La vera storia del Wing Tsun Kuen

Ip Man      WingChunSign

Sifu Salvo Amato
……………………

LE ORIGINI DEL WING TSUN KUEN SECONDO IP MAN

Traduzione del manoscritto che il Gran Maestro ha lasciato:

La fondatrice del sistema Wing Tsun, dal nome Yim Wing Tsun , nacque nella provincia Cinese del Kwuangtung. Era una giovane ragazza, intelligente e forte. Essa fu promessa in sposa a Leung Bok Chau, un mercante di sale del Fukien. Subito dopo sua madre morì e suo padre, Yim Yee, venne accusato ingiustamente di un crimine e condannato al carcere; decise di fuggire insieme alla figlia dirigendosi lontano fino ad arrivare ai piedi del monte Tai Leung, al confine tra le regioni dello Yunnan e dello Szechwan. Qui si guadagnarono da vivere mandando avanti un negozio che vendeva farina di fagioli.
Tutto questo accadeva durante il regno dell’imperatore K’Angshi della dinastia Ching (1662-1722).
In quel tempo il Kung-Fu del monastero Siu Lam (Shaolin) sul monte Sung (Sung Shan), nella provincia dello Honan, divenne molto forte, facendo sentire minacciato il governo Ching, il quale decise di inviare truppe per attaccare il monastero, ma l’attacco diede scarsi risultati. C’era un uomo chiamato Chan Man Wai che venne nominato impiegato statale dalla corte Imperiale in quell’anno. Questo era un grande onore e un modo rapido per salire le gerarchie del potere. Così per compiacere il governo Ching suggerì un piano in cui si serviva di un traditore all’interno del tempio, un Monaco di nome Ma Ning Yee, che con altri suoi compagni avrebbero incendiato il Monastero dall’interno mentre l’esercito ching lo attaccava dall’esterno.
Il Monastero Siu Lam venne infine distrutto dalle fiamme, i monaci e i discepoli che non perirono fuggirono e si dispersero. L’abatessa buddista Ng Mui, gli abati Chi Shin e Pak Mei ed i maestri Fung To Tak e Miu Hin fuggirono prendendo ognuno strade diverse.
Ng Mui si rifugiò nel tempio della Gru Bianca (Bak Hok Koon) sul monte Tai Leung, anche chiamato monte Chai Har. E fu in quel posto che conobbe Yim Yee e sua figlia Yim Wing Tsun, dai quali era solita comprare farina di fagioli nella via del ritorno dal mercato. All’età di quindici anni, con i capelli acconciati alla maniera che si usava in quei giorni per mostrare che una ragazza era in età da matrimonio, la bellezza di Yim Wing Tsun attirò le attenzioni di un bullo del villaggio. Egli tentò di forzare Yim Wing Tsun a sposarlo e le sue continue minacce iniziarono a diventare motivo di preoccupazione per la ragazza e per suo padre. Ng Mui venne a conoscenza di questo fatto e, mossa da pietà nei confronti di Yim Wing Tsun, decise di insegnarle le sue tecniche di combattimento, in modo che si sarebbe potuta difendere da sola.
Se avesse potuto sconfiggere il bullo, avrebbe poi potuto sposare il suo promesso sposo senza problemi. Wing Tsun seguì Ng Mui sulle montagne ed iniziò ad imparare il Kung Fu. Si allenò giorno e notte finché non divenne padrona delle tecniche. Alla fine sfidò il bullo e lo sconfisse.
Ng Mui in seguito si spostò da quel monte e viaggiò per la Cina, ma prima di partire disse a Yim Wing Tsun di onorare le tradizioni del Kung Fu, di continuare e di sviluppare la sua tecnica anche dopo il matrimonio e di aiutare il popolo a spodestare il governo Manchu per restaurare la dinastia Ming.
Dopo il matrimonio Wing Tsun insegnò il Gung Fu a suo marito Lueng Bok Chau. Egli tramandò queste tecniche a Leung Lan Kwai che le tramandò a Wong Wah Bo.
Wong Wa Bo era un attore dell’opera della giunca rossa ed era molto amico con Leung Yee Tei. A quel tempo l’abate Gee Sin, scampato all’incendio del Monastero Siu Lam, lavorava come cuoco sulla giunca rossa con una falsa identità. Gee Sin insegnò la tecnica del palo da sei punti e mezzo (Luk Dim Boon Kwun Fat) a Leung Yee Tei.
Così Leung e Wong essendo molto amici e lavorando insieme si scambiarono le conoscenze sui rispettivi sistemi, assieme divisero e migliorarono le loro tecniche e così il Palo Lungo da Sei Punti e Mezzo fu incorporato nel Wing Tsun. Leung Yee Tei passò le sue conoscenze a Leung Jan, un noto dottore erborista di Fat Shan.
Leung Jan divenne padrone dei più intimi segreti del Wing Tsun raggiungendo il massimo livello di abilità tecnica. Molti Maestri di Kung Fu giunsero per sfidarlo, ma vennero tutti sconfitti. Leung Jan diventò molto famoso. In seguito egli passò il suo Kung Fu a Chan Wah Shan, che accolse me [Ip Man] e i miei fratelli di Kung Fu più grandi, Ng Siu Lo, Ng Chung So, Chan Yu Min e Lui Yu Jai, come suoi studenti molte decadi or sono. Il Wing Tsun è giunto a noi in linea diretta di successione fin dalle sue origini. Ho scritto questa storia sul Sistema Wing Tsun per rispetto alla memoria dei miei predecessori. Sarò loro grato in eterno per avermi tramandato le conoscenze che io oggi possiedo.
Un detto Cinese recita “quando si beve dell’acqua bisogna sempre ringraziare la fonte da cui proviene”.
Per questo io sto pensando di organizzare questa grande confraternita, ed è mia speranza che tutti i miei allievi possano aiutarmi. E’ molto importante per noi promuovere il Kung Fu.
Ip Man

 

 

WTAMA – ACADEMY – ITALIA
Master, Salvo Amato

Le Origini del Wing Chun Kuen

Il Wing Chun Kuen nasce circa tre secoli e mezzo fa in Cina, la leggenda narra che il sistema sia stato ideato dalla leggendaria monaca Buddista Ng Mui / Wu Mei, una dei cinque monaci, detti immortali e prende il suo nome dalla prima allieva della monaca, una giovane donna, Yim Wing Chun ( Radiosa primavera ).
Al di là della leggenda c’è la storia di un’Arte Marziale di origine Shaolin senza confronti, il Wing Chun Kuen e, un’Arte scientifica di combattimento reale tra le più efficaci mai concepiti dall’Uomo.
Il risultato di, ricerche, studi è confronti, dei migliori Maestri Shaolin è Ordini segreti dell’Epoca.
La metà era, creare un sistema supremo, che non si basava sulla forza bruta, tecniche premeditate è
acrobazie, ma su principi universali, che tenevano conto in modo scientifico, delle capacità reali della biomeccanica del corpo umano, il luogo dove i Maestri s’incontravano per portare avanti tali studi era una delle oltre 5.000 sale del Tempio Shaolin, alla sala fu dato il nome Wing Chun ( Eterna primavera ), a simboleggiare l’Eterna evoluzione delle Arti Marziali.
Per evitare discordia tra i Maestri, il nuovo sistema di combattimento fu battezzato con il nome simbolico della sala Shaolin, più tardi fu aggiunto Yim, che significa segreto, quindi, la traduzione di Yim Wing Chun sarebbe, il “Segreto dell’Eterna Primavera”.
Venne alla luce, un’Arte Marziale di pensiero Taoista geniale, dell’essere adattabile come l’acqua, morbida eppure dirompente, capace di penetrare nei più piccoli anfratti, si ritrovano in essa i principi dello Yin e dello Yang, unendo il duro al morbido, in perfetta armonia, la struttura e semplice, con poche tecniche di
base, ma infinitamente combinabili, basati su principi che permettono di sfruttare la dinamica del
movimento dell’avversario, avendo cosi ha disposizione un repertorio infinito di combinazioni, questo fu possibile attraverso l’introduzione rivoluzionaria del “Chi-Sao è del Chi-Gerk.”
( Un sistema unico per sensibilizzare al massimo il tatto, al punto, di combattere a occhi bendati )
Tramandato di generazione in generazioni tramite un sistema familiare è rimasto segreto fino agli anni cinquanta del secolo scorso, il primo ad aprire corsi pubblici per la diffusione di questo sistema intelligente, fu il Gran Maestro Ip Man, patriarca indiscusso del Wing Chun Kuen.
In occidente il sistema venne introdotto da un suo allievo, Li Siu Long, conosciuto come Bruce Lee, che lo aveva studiato per circa quattro anni sotto la sua guida personale, Bruce Lee divenne una Stella del cinema, e grazie all’opera cinematografica il Wing Chun fu conosciuto in tutto il mondo.
Per la diffusione in Europa, e stata determinante la figura del Gran Maestro Keith R. Kernspecht, allievo diretto del Gran Maestro Leung Ting, l’ultimo allievo privato di Ip Man, non si deve però sottovalutare il fatto che ha intrattenuto per diversi anni rapporti molto stretti con gli allievi di Bruce Lee, in particolare con Jesse Glover, primo allievo e assistente.
Nel 1979 apre in Heidelberg, l’Accademia Wing Tsun Kuen per Istruttori Professionisti, il Maestro
Salvo Amato, ( Praticava Arti Marziali dal 1969 ) e stato il primo allievo diretto Italiano che ha firmato un contratto privato professionale a tempo pieno ( otto ore di addestramento al giorno ) dalla durata di tre anni e mezzo, nel 1981 ha ricevuto come primo Italiano, dalle mani del suo Sifu Keith R. Kernspecht il Diploma di Istruttore Professionista Wing Tsun Kuen, nello stesso anno ha fondato la sua prima scuola.
Nel 1995 e rientrato in Italia, ha ricevuto dal suo Sifu il titolo di Si-Pak, e stato fino al 2001 responsabile EWTO per la provincia di Catania, nello stesso anno la WTAMA che fa capo al Maestro Salvo Amato, ha deciso di dissociarsi e restare autonoma, riconoscendosi solo negli insegnamenti del Si-Jo Ip Man.

 

 

http://www.wtamato.eu

http://www.wingtsunamaitaly.altervista.org

Cell: 0039 – 333 168 55 88

sifu.amato@wtamato.eu

sifu.amato@gmail.com

sifuamato@alice.it

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento